Lorenzo Filardi:

Cucinare è il mio modo di esprimermi.È la mia arte

Da piccolo, Lorenzo amava giocare con tutto ciò che trovava in cucina. Dall’indole curiosa, assaggiava e mescolava gli ingredienti rubati alla mamma. Da grande, Lorenzo non ha mai smesso di cucinare. Dopo essersi diplomato all’istituto alberghiero, spinto dalla sua passione, ha iniziato ad affinare le sue abilità.
La sua carriera nel mondo del food si apre a Villapiana, quando ha solo 13 anni. Suo primo maestro e mentore, Ottavio Bria, chef dell’originaria ‘Trattoria Casalnuovo’.
È in Trentino, poi, che Lorenzo perfeziona la sua arte e, sempre lì, incontra l’amore, Michela. La passione per la cucina, la nostalgia per la propria terra e l’amore per sua moglie, lo spingono a far ritorno in Calabria e ad aprire un ristorante nel cuore di Villapiana. Per omaggiare il suo primo maestro scomparso prematuramente, Lorenzo e il suo socio, Luigi Bria, decidono di chiamare il ristorante ‘Trattoria Casalnuovo’.

La sua cucina si esprime attraverso combinazioni sempre nuove di profumi e colori, di gusti e sapori, al fine di creare un’esperienza unica in chi assapora i suoi piatti. Ingredienti e materie prime tradizionali vengono rielaborati con un tocco innovativo e sempre diverso per regalare una ‘food experience’ avvolgente e genuina allo stesso tempo.

Cucinare per Lorenzo equivale ad esprimersi. Come il pittore parla attraverso la sua tela, così Lorenzo parla attraverso i suoi piatti. Ogni colore è un gusto, una storia, un’emozione.